Comunicazione ai sensi dell’art. 1 “Procedure per l’incentivazione degli investimenti pubblici durante il periodo emergenziale in relazione all’aggiudicazione dei contratti pubblici sotto soglia” comma 2 lettera b) della Legge 120/2020 del 11/09/2020 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 16 luglio 2020, n. 76, recante «Misure urgenti per la semplificazione e l’innovazione digitali» (Decreto Semplificazioni)”

Vista la disciplina sostitutiva al Codice Appalti D.lgs. 50/2016 di cui alla legge n. 120 del 2020, e in particolare, per le procedure sottosoglia indette entro il 30 giugno 2023, visto l’art. 1 comma 2 della L. 120/2020, così come modificato dall'art. 51 della legge n. 108 del 2021, che recita:

2. Fermo quanto previsto dagli articoli 37 e 38 del decreto legislativo n. 50 del 2016, le stazioni appaltanti procedono all’affidamento delle attività di esecuzione di lavori, servizi e forniture, nonché dei servizi di ingegneria e architettura, inclusa l’attività di progettazione, di importo inferiore alle soglie di cui all’articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016 secondo le seguenti modalità:

a) omissis

b) procedura negoziata, senza bando, di cui all’articolo 63 del decreto legislativo n. 50 del 2016, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, ove esistenti, nel rispetto di un criterio di rotazione degli inviti, che tenga conto anche di una diversa dislocazione territoriale delle imprese invitate, individuati in base ad indagini di mercato o tramite elenchi di operatori economici, per l’affidamento di servizi e forniture, ivi compresi i servizi di ingegneria e architettura e l’attività di progettazione, di importo pari o superiore a 139.000 euro e fino alle soglie di cui all'articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016 e di lavori di importo pari o superiore a 150.000 euro e inferiore a un milione di euro, ovvero di almeno dieci operatori per lavori di importo pari o superiore a un milione di euro e fino alle soglie di cui all'articolo 35 del decreto legislativo n. 50 del 2016. Le stazioni appaltanti danno evidenza dell’avvio delle procedure negoziate di cui alla presente lettera tramite pubblicazione di un avviso nei rispettivi siti internet istituzionali.

La Centrale di Committenza dell’Unione “Comunità delle Colline tra Langa e Monferrato”

COMUNICA

che ha indetto per il Comune di COSTIGLIOLE D'ASTI una gara per l'affidamento di un APPALTO DI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA RETE STRADALE DI COSTIGLIOLE D’ASTI – CUP: C32D18000000001 – CIG: 9497187EA1 - FINANZIATO CON RISORSE COMUNITARIE FONDI PNRR – M2C4.

I dettagli della procedura e dell’importo lavori sono illustrati nella Determinazione di indizione allegata.

La Centrale Unica di Committenza si occupa esclusivamente di curare la gestione della procedura di gara e di tutti gli atti preparatori fino all’aggiudicazione, ai sensi del Regolamento per il Funzionamento della C.U.C. dell’Unione.

Lo strumento di negoziazione utilizzato per il confronto competitivo, ai sensi dell’art. 3 comma 1 lettera dddd) del D.lgs. 50/2016, è la piattaforma di e-Procurement Sintel di ARIA Reg. Lombardia https://www.ariaspa.it/wps/portal/Aria/

 

Determina di indizione di gara

LETTERA DI INVITO/ DISCIPLINARE GARA DI APPALTO DI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA RETE STRADALE COSTIGLIOLE D'ASTI

All. C - Modulo tracciabilità dei flussi

All. D - Modulo di autocertificazione per la partecipazione alla gara

All. L - Presentazione Offerta